Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Folk break #7 - Incipit invernale

Immagine
Come se fosse fine novembre, l'incipit vero e proprio dell'inverno con due mesi buoni di ritardo. D'altronde, anche l'autunno è iniziato a novembre e la seconda delle due scorse estati ad agosto...

Transiberian Express

Immagine
Il gelido soffio dell'orso russo-siberiano (l'anticiclone di origine Artico-Continentale, che si forma spesso nei mesi invernali tra la Russia Europea, la Siberia e la Mongolia) sta per stringere gran parte del continente nella sua morsa.

2011: un breakpoint?

Immagine
Nono-undicesimo rango complessivo (a seconda del dataset) per un anno caratterizzato da condizioni di variabilità naturale di contorno votate al deciso ribasso, dettate sostanzialmente dalla doppia Nina, intensa nella prima parte, più moderata ma protratta in seguito. E in presenza di fattori esogeni sempre e pure abbastanza mitiganti come il recupero veloce ma sempre debole dell'attività solare.

Steps towards transition

Immagine
• Inizia il meeting dell'Arctic Frontiers nel nord della Norvegia dedicato quest'anno - nell'anno internazionale dell'energia sostenibile per tutti -  alle energie del/dal grande nord,  occhio al programma: interessante, in particolare, la parte I dedicata anche ai gas idrati (soprattutto le parti dedicate a Permafrost and gas hydrate related methane release e a Role of gas hydrates in past and future climate change, vedi anche qui e anche qui), ma anche la parte IV dedicata alle potenzialità delle rinnovabili;qui il book of abstracts.

Update 28/1: anche al WEF energie rinnovabili, climate change e mitigazione sono oramai tematiche sempre più dibattute (e non da oggi). E non stiamo certo parlando di un forum altermondista, ma c'è spazio all'indignazione e alla preoccupazione anche in questo contesto ufficiale...

Downgrades

Immagine
Recessione atmosferica protratta da quasi 5 anni, nonostante l'effimera fase a cavallo fra il 2009 e il 2010.

Folk break #6 - Bon hiver!

Immagine
...e buona dama bianca a tutti quelli che vivono nell'emisfero nord...a chi ne ha più bisogno e a chi ne ha meno...

Oscillazioni nordatlantiche

Immagine
L'11 settembre 2011 aprivo un thread sul forum di meteonetwork nel quale facevo confluire (fino a fine settembre) alcuni post di analisi predittiva circa lo stato che l'oscillazione nordatlantica (NAO) avrebbe assunto questo inverno. La NAO è un pattern conosciuto da due secoli e mezzo (vedi immagine d'apertura, tratta da questo workshop) ed è uno dei modi di circolazione atmosferica più importanti e studiati, ricostruito recentemente fino al 1692 mediante la forza dei westerlies, decisivo per le sorti degli inverni euro-atlantici e della East-Coast nordamericana e anche delle nostre lande (vedi per es. qui, qui, qui, qui, qui o qui), unitamente alla "sorella maggiore" Arctic Oscillation (AO). È usato anche per elaborare il consueto outlook del sito del forum.

Folk break #5 - siɰør roʊs!

Immagine
Una dedica di inizio anno al terrapiattismo e a ciò su cui si basano le sue tesi.

La bellissima canzone del nulla in versione folk.

Te lo do io il lag...

Immagine
...inteso come lagtime, ovvero ritardo, isteresi, risposta inerziale con cui il sistema climatico reagirebbe a sollecitazioni impattanti. Si tratta di uno degli argomenti preferiti da coloro i quali - da perfetti campioni del D-K - non riescono a capacitarsi del fatto che il 90% dei 10 anni più caldi della serie degli ultimi 100 siano tutti farina del XXI secolo. E del fatto che, dopo un minimo solare piuttosto importante e protratto e dopo una Nina piuttosto importante e frequente (durante l'80% dell'ultimo lustro il sistema era in stato Nina-like), le temperature medie globali ancora non si siano decise a scendere, il global cooling continui irriducibilmente ad essere rimandato (nonostante i soliti appelli dalle solite truppe) e insomma: come è possibile che si continui imperterriti a salire?

Dopo il 2011

Immagine
Top  Alcuni top events che quest'anno saranno imprescindibili, in attesa del final draft del WGI/AR5: l'IPY2012 di Montréal ad aprile sullo stato delle regioni polari, anticipato già questo mese dal consueto meeting dell'AF di Tromsø quest'anno dedicato all'energia dal grande nord. Poi naturalmente a giugno  Rio+20, 20 anni dopo il primo Earth summit in condizioni di sostenibilità. Energie + sostenibilità  = anno internazionale dell'energia sostenibile per tutti.